La Classe In Giallo: Uno Spinoso Caso al Gonzaga
Scroll Down
08 Giugno 2022

“La classe in giallo” è il frutto di un’iniziativa letteraria nata, quasi per caso, lo scorso anno con un invito ai ragazzi della II A a leggere alcuni testi classici e contemporanei di genere giallo.
L’iniziativa ha riscosso un inaspettato interesse fra i ragazzi. Da qui l’idea di far apprendere ai ragazzi i primi rudimenti del percorso investigativo e l’utilizzo di alcune costanti di genere, quali l’aiuto di un assistente, l’indizio da decifrare, etc. Scoperta la struttura base di questa tipologia di testo narrativo si è giunti all’elaborazione di un breve racconto ove ciascun “autore” narra la propria risoluzione di un caso di omicidio. A cornice dei testi raccolti e per dare un senso alle avventure scritte dai ragazzi, è stata elaborata una introduzione e una conclusione da parte delle docenti.
Il titolo del volume prende spunto dalla nota serie televisiva “La signora in giallo”. Per dare maggior corpo alla figura dell’investigatore e venire incontro alle tante domande che i ragazzi si sono posti, si è immaginato anche una intervista immaginaria con la signora Fletcher in occasione di un suo viaggio a Milano. Non meno importante il lavoro grafico realizzato dai ragazzi che hanno indubbiamente arricchito e vivacizzato il testo con i loro disegni. 
Questo elaborato nasce in un anno di didattica in presenza e a distanza. La prospettiva di una pubblicazione è servita a tenere vivo l’entusiasmo nei ragazzi sia nel rielaborare i propri testi quando erano a casa, sia di lavorare insieme da remoto per l’intervista alla signora Fletcher attraverso un apprendimento cooperativo.
Va da sé che “ogni riferimento a fatti o persone reali è puramente casuale” ma il vero fine delle docenti è stato quello di migliorare il lavoro di gruppo e il pensiero critico, stimolare l’abilità al problem solving, senza mai tralasciare l’unicità creativa dei ragazzi anche in tempo di pandemia. 
“Ci deve essere un dettaglio che mi è sfuggito” (cit. Jessica Fletcher)

Condividi sharethis